logo academy

Cos’è e come si calcola il Profit and Loss (P&L)?

17 giugno, 2022
8 min
Cos’è e come si calcola il Profit and Loss (P&L)?
Principiante
Cosa Imparerai

    Indagando su che cos’è Profit and Loss (P&L) scopriremo che è ampiamente utilizzato nella gestione delle imprese e nell’economia aziendale: per sfruttarlo al meglio, tuttavia, il primo passo da fare è capire il significato di P&L e come funziona. 

    È possibile, poi, applicarlo anche ad altri ambiti, come ad esempio quello del trading di criptovalute. Infatti, su Young Platform esiste una specifica funzione che esegue automaticamente il conto di profitti e perdite su tutte le operazioni di compravendita effettuate. Scopriamo insieme come si calcola il P&L e perché è importante nella gestione delle nostre finanze.

    Che cos’è il Profit & Loss (P&L) in economia

    In qualsiasi attività economica è buona norma registrare le entrate e le uscite, ossia quali sono i costi e quali i guadagni delle nostre attività. La differenza tra i flussi in ingresso ed i flussi di spesa determina il profitto netto, che può risultare anche negativo. Uno strumento semplice, ma efficace, che a tale scopo viene largamente utilizzato in economia aziendale e nella gestione delle imprese, è il Profit&Loss (P&L):

    Profit&Loss (P&L)

    Il Profit&Loss (P&L) è un resoconto di tipo finanziario che riassume i ricavi, i costi e tutte le spese sostenute in un periodo specifico di tempo. Il risultato può essere un profitto oppure una perdita

    Partendo dall’economia aziendale e dal primo significato di P&L, è possibile applicare questo concetto anche alle criptovalute. Infatti, questo ti permetterà di capire come stanno andando i tuoi asset ed eventualmente come ottimizzare le tue operazioni. 

    Per quanto riguarda l’attività di compravendita di criptovalute, le variabili da tenere in considerazione, oltre ai rischi derivanti dalle fluttuazioni del mercato, sono le seguenti:

    • Costi – sono rappresentati principalmente da variabili come le commissioni di trading, l’eventuale prezzo della formazione oppure l’onere per l’acquisto di hardware o software che facilitino le operazioni. Su Young Platform Academy puoi trovare una sezione dedicata al trading con contenuti formativi gratuiti.
    • Spese – sono rappresentate dalle spese fisse e ricorrenti, quindi sono comprese le bollette per l’energia elettrica, eventuale noleggio di hardware, costi di mantenimento server per l’earning e abbonamenti ad internet
    • Ricavi – in questa categoria rientra tutto quello che si percepisce, ad esempio dal trading, da servizi di earning, dal mining o in generale dalle ricompense di Yield Farming

    Come si calcola il P&L

    Adesso che hai capito che cos’è il P&L e quali sono gli elementi che vanno a formare il suo conto di profitti e perdite, il passo successivo è capire come si redige un report e quindi come si calcola il P&L. 

    Esistono principalmente due metodologie per il Profit and Loss, mutualmente esclusive, applicabili a qualsiasi attività economica, compresa quella che riguarda le criptovalute:

    1. Principio di cassa – i 3 elementi che compongono il P&L (costi, spese e ricavi) vengono registrati solamente nel momento in cui si verifica effettivamente l’uscita o l’entrata di denaro. Ad esempio, nel servizio di earning verrà registrata un’entrata esclusivamente quando verranno riscosse le ricompense, nel trading verrà registrato il guadagno/perdita non appena si chiuderanno le proprie posizioni;
    2. Principio di competenza – con questa metodologia i 3 elementi del P&L vengono registrati nel momento in cui si viene a conoscenza di future entrate/uscite. In sostanza, non appena so con certezza che in futuro avrò delle spese o dei ricavi, inserisco le somme corrispondenti nel calcolo del P&L. Per esempio, se si fa mining, registro i costi della bolletta elettrica appena so quanto dovrò pagare e senza aspettare l’emissione della bolletta stessa da parte del gestore;

    La scelta di quale metodologia adottare non è banale e dipende da numerosi fattori. Solitamente le piccole aziende utilizzano il principio di cassa perché più semplice da gestire, mentre le grandi imprese usano il principio di competenza in quanto hanno più risorse da dedicare alla contabilità. Allo stesso modo nel trading, o con le criptovalute in generale, è opportuno utilizzare il principio di cassa se le attività svolte sono poche e semplici; viceversa, se sono molte e più complesse può avere senso utilizzare la seconda metodologia. 

    Come leggere un report finanziario

    Non basta sapere il principio secondo il quale viene effettuato il calcolo del P&L, la corretta lettura e interpretazione di un report del conto profitti e perdite è altrettanto importante. Esso ti permette di sapere come stanno andando le cose, così da apportare eventuali miglioramenti e soprattutto capire in quali sezioni è necessario intervenire.

    Un report finanziario è composto principalmente da valori riferiti a periodi di tempo paragonabili. Ad esempio, nel trading è utile paragonare il P&L di anno in anno, oppure di trimestre in trimestre, in questo modo potresti immediatamente capire se la tua strategia richiede dei bilanciamenti.

    Questi sono i passaggi fondamentali per leggere correttamente un resoconto P&L:

    • Trova le fonti di ricavi – la prima cosa da fare è capire da dove provengono le entrate. Se fai più attività contemporaneamente, come ad esempio trading e Yield Farming, sarà necessario separare le due cose;
    • Trova i ricavi netti – il passo successivo è capire se e quanto effettivamente si è guadagnato, nel trading dovrai sottrarre all’esito positivo di tutte le operazioni i vari costi e spese. Nei servizi di earning dovrai sottrarre dalle ricompense ottenute tutti i costi sostenuti. Chiaramente potresti trovarti anche in una situazione di perdita, ma la formula sarà sempre: Profitto (o perdita)= ricavi – costi – spese;
    • Individua le aree di miglioramento;
    • Passa all’azione – apporta i miglioramenti necessari, se possibili. 

    Questo è un esempio di un report P&L, un conto profitti e perdite semplificato:

    Come si calcola il Profit&Loss (P&L)

    Il Profit&Loss su Young Platform

    Passando dall’economia tradizionale al trading, il significato di Profit and Loss è sempre lo stesso, ma è utilizzato in maniera diversa e molto più specifica. Per farne esperienza, nell’exchange di Young Platform hai la possibilità di sfruttare gratuitamente la funzionalità di P&L, nella sezione Analytics. Questo tipo di P&L riguarda unicamente le tue operazioni di acquisto e vendita su Young Platform e permette di sapere, in tempo reale, quali sono le performance delle tue criptovalute, monitorare l’andamento del tuo portafoglio e aiutarti nelle tue strategie.

    Le informazioni che ti può fornire lo strumento del P&L nel trading sono calcolate in maniera molto semplice e automatica grazie a due dati: 

    1. Il Valore di mercato attuale del tuo Portafoglio, ossia il saldo dato dalle tue criptovalute espresso in Euro;
    2. Il Prezzo di acquisto che hai pagato per ottenere quello che hai nel Portafoglio. 

    La formula è questa: (Valore Portafoglio – Prezzo di acquisto) / Prezzo di acquisto =% P&L

    Un altro dato interessante è il prezzo medio di acquisto di una criptovaluta, ovvero la media di tutti i prezzi di acquisto di una singola moneta. 

    Ad esempio, se hai comprato  Ethereum su Young Platform 3 volte, il P&L ti calcolerà la media dei 3 prezzi. Poniamo che la prima volta tu l’abbia acquistato a 1500€, la seconda a 1800€ e la terza a 2000€. Prezzo Medio = (1500 + 1800 + 2000) / 3

    Avrai un prezzo medio di acquisto di 1767€ (approssimato per eccesso) , questo significa che se il prezzo di Ethereum scenderà al di sotto di questo livello, comprandone altri abbasserai il prezzo medio di acquisto. Se invece il prezzo di ETH supera i 1767€, la vendita delle monete ti permetterebbe di ottenere profitto.

    Il Profit&Loss (P&L) può essere un alleato prezioso per la gestione aziendale ma anche in tutte quelle attività tipiche del mondo crypto. Il calcolo del P&L può essere quasi del tutto automatizzato, come su Young Platform, risparmiando tempo ed avendo costante accesso alle informazioni. 

    Articolo di Andrea Macrì

    Correlati