logo academy

Scopri gli elementi di analisi tecnica di base

4 maggio, 2022
13 min
Scopri gli elementi di analisi tecnica di base
Principiante
Cosa Imparerai

    Vediamo ora gli elementi che ci consentono di acquistare criptovalute con consapevolezza e preparazione, utilizzando principalmente alcuni degli strumenti forniti dell’analisi tecnica come trendline, supporti e resistenze.

    Market cap 

    La capitalizzazione di mercato si calcola moltiplicando il numero di token in circolazione per il loro valore di mercato. 

    Il mondo della finanza parla di: 

    • Big cap: quando il valore sopracitato supera i 10 miliardi di dollari
    • Mid cap: se il valore sta tra i 2 e i 10 miliardi
    • Small cap: tra 300 milioni e 3 miliardi 
    • Micro cap: tra 50 e 300 milioni

    Ad esempio, bitcoin ha un’attuale capitalizzazione di mercato di oltre 225 miliardi di dollari.

    18,522,937 BTC (circulating supply) x $12.196,96 (prezzo) =
    $ 225,923,597,604 (capitalizzazione di mercato)

    Big Cap

    Una criptovaluta con una capitalizzazione di mercato che supera i 10 miliardi di dollari (big cap, come Bitcoin) è tendenzialmente più “stabile”, semplicemente per una questione matematica.

    Un mercato con una capitalizzazione così alta ha un volume e una liquidità molto elevate ed è quindi più difficile da manipolare. Ciò significa che anche se vengono spostate enormi quantità di bitcoin, il suo mercato – e quindi il suo prezzo – restano piuttosto stabili. 

    Volume

    Il numero di transazioni relative a un asset in un lasso di tempo preciso, generalmente calcolato nelle 24 ore. Nel caso di BTC = $37,511,257,948 

    Liquidità

    La possibilità di vendere o acquistare un asset senza che il prezzo ne risenta particolarmente. Un mercato è liquido se ci sono sempre investitori disposti a scambiare. Un asset liquido è invece un asset che può essere facilmente convertito in denaro.

    Ad oggi (Ottobre 2020) solo 3 criptovalute appartengono a questa fascia Big Cap: Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Tether (USDT).

    Acquistare una criptovaluta di questa fascia tendenzialmente può portare ad una crescita o una decrescita graduale e più conservativa rispetto alle altre fasce. Queste 3 criptovalute sono solitamente scelte per chi preferisce un impegno a lungo termine.

    È importante ricordarsi che la volatilità è una caratteristica comune a tutte le criptovalute. Pertanto, è possibile che il prezzo scenda dopo l’acquisto, determinando di fatto una perdita. Tuttavia, la perdita è tendenzialmente più contenuta rispetto alle altre 2 fasce.

    Trattandosi di mercati più stabili, anche la decrescita dei prezzi è graduale. Inoltre, la popolarità di queste criptovalute è tale che la loro crescita esponenziale dalla loro nascita a oggi è innegabile per alcune, significativa per altre.

    Mid Cap

    Le criptovalute che appartengono alla fascia delle mid cap hanno una potenzialità di crescita maggiore.

    Acquistare queste criptovalute aumenta l’esposizione al rischio ma allo stesso tempo permette di generare un margine di guadagno maggiore sul medio termine.

    Si tratta di criptovalute ormai consolidate, ma che non hanno ancora espresso il loro pieno potenziale e che potrebbero aumentare il loro valore di mercato e le loro possibili applicazioni.

    Small Cap e Micro Cap

    Le criptovalute con bassa capitalizzazione di mercato presentano un rischio molto alto, in quanto maggiormente esposte al rischio fallimento.
    Se è vero quindi che il loro prezzo può crollare da un minuto all’altro, allo stesso modo può esplodere generando un guadagno sensibilmente maggiore nel breve termine.

    Leggere i grafici lineari: le trendline

    Dopo aver scelto le criptovalute con il tipo di capitalizzazione più adatta ai propri obiettivi, è importante saper leggere i grafici che mostrano l’andamento dei prezzi

    Definizione

    Il trend di mercato è la tendenza o andamento dei prezzi che un determinato mercato sta intraprendendo o ha intrapreso. Il trend si usa infatti sia per fare analisi a ritroso sia per fare previsioni.

    I trend possono trovarsi in diverse fasi:

    1. Bullish: quando un trend di mercato si trova in una fase rialzista. Vedremo sul grafico un’evidente crescita dei prezzi.
    2. Bearish: quando il trend di mercato è in una fase ribassista. Vedremo sul grafico una evidente riduzione dei prezzi.
    3. Fase laterale: quando il trend si trova in una situazione di stallo e i prezzi restano stabili, senza assumere una direzione precisa.

    I grafici lineari si possono trovare facilmente per ogni tipo di criptovaluta e mostrano l’andamento storico dei prezzi. Osservando questi grafici si possono creare delle trendline

    Le trendline sono letteralmente “linee di tendenza”. All’interno di un grafico che rappresenta l’andamento di qualsiasi criptovaluta o asset finanziario (titolo, azione, obbligazione ecc.) una trendline è una linea retta che si traccia per aiutarsi nella lettura e analisi di questo trend.

    Vediamo ora come disegnare le trendline e come si configurano quando sono rialziste (upward o bullish) o ribassiste (downward o bearish).

    Prendiamo un grafico che rappresenta l’andamento di prezzo in un certo periodo di tempo e iniziamo a tracciare la linea dal primo picco di prezzo evidente, che sia esso positivo o negativo.

    Trendline rialzista (Bullish trend)

    Partiamo da un picco negativo. Se dopo un breve abbassamento del prezzo, si individuano dei minimi di prezzo crescenti, come nella figura, si può tracciare un trend rialzista. Uniamo quindi tutti i minimi di prezzo con una linea che andrà verso l’alto.
    Il trend indicato da questa linea è detto bullish, è come un toro che carica con la sua aggressività tutti gli ostacoli del mercato.
    Un mercato caratterizzato da trend bullish è chiamato bull market.
    Quando non si incontrano più minimi crescenti, significa che la trendline ha raggiunto un punto di rottura e probabilmente diventerà ribassista.

    Trendline ribassista (Bearish trend)

    Spostiamoci sul versante alto del trend rappresentato dal grafico e concentriamoci sui picchi positivi del prezzo. Se non ci sono più minimi crescenti, infatti, dobbiamo andare a cercare massimi decrescenti. Una volta individuati dei picchi di prezzo in ribasso sul grafico, uniamoli con una linea che punterà verso in basso.
    Il trend segnato da questa linea discendente è detto bearish, come un orso che vuole andare in letargo.
    Un mercato caratterizzato da trend bearish è chiamato bear market.

    Analisi tecnica: leggere i grafici a candela

    Ora che stiamo prendendo dimestichezza con gli strumenti mercati delle criptovalute, cerchiamo di fare un ulteriore passo in avanti. Proviamo a capire come i veri esperti leggono i grafici.

    Avrete sicuramente visto su Young Platfrom PRO questi strani grafici composti da barre verticali rosse e verdi. Queste barre sono note con il poetico nome di “Candele Giapponesi”.

    La storia all’origine di questo tipo di grafico è esotica quanto il suo nome. L’invenzione delle candele risale al XVII secolo in Giappone, con lo scopo di prevedere l’andamento del prezzo del riso.

    Vediamo ora come si leggono i grafici a candela: in questo modo capiremo perché sono così utili.

    Le candele riassumono i movimenti di prezzo nell’arco di un intervallo di tempo predeterminato che si può selezionare dall’interfaccia.
    Questo arco di tempo può essere di un minuto, di un giorno, di un mese o anni.

    Prendiamo come esempio una candela che simboleggia l’andamento del prezzo di bitcoin in una singola giornata.
    Il grafico per intero rappresenterà quindi il trend nel corso di un certo numero di giornate.
    Poniamo che durante la Giornata 1, rappresentata da una singola candela, siano accadute queste variazioni nel prezzo di bitcoin:

    Giornata 1 per BTC

    • Apertura: 6330
    • Massimo: 6620€
    • Minimo: 6272€
    • Chiusura:  6585

    Il movimento che vedremo su di un grafico lineare classico sarà quindi:

    trendilne

    Si tratta di un andamento positivo, in quanto il prezzo finale è più alto di quello a inizio giornata.
    La candela che rappresenta questo movimento sarà quindi verde e avrà questo aspetto:

    analisi tecnica

    Il corpo della candela, ossia la parte centrale in verde, rappresenta la differenza del prezzo tra inizio e fine giornata. L’estremità inferiore, che segna il prezzo all’inizio della giornata, si chiama “apertura” (open), perché segna come si è aperta la giornata. L’estremità superiore, che segna il prezzo a chiusura della giornata, ossia l’ultimo registrato, si chiama “chiusura” (close).

    Le linee, simili agli stoppini della candela, sono chiamate ombre. Rappresentano il prezzo massimo e quello minimo raggiunti nel corso dell’intervallo temporale. Le ombre sono comunque molto importanti nell’analisi tecnica avanzata e non vanno messe da parte.

    analisi tecnica

    Vediamo ora un esempio di trend giornaliero negativo, esaminando quindi una candela rossa.

    Giornata 2 per BTC

    • Apertura = 6585
    • Minimo= 6272€
    • Massimo = 6620 €
    • Chiusura = 6330

    Il grafico lineare è questo:

    trendline

    Disegniamo ora la candela:

    grafici a candela

    Essendo un andamento negativo, la candela è rossa e l’apertura è più in alto della chiusura perché la giornata si è chiusa in negativo.

    grafici a candela

    Le candele sono rappresentazioni molto più dettagliate dell’andamento di prezzo rispetto a un grafico lineare classico, di conseguenza si prestano all’analisi tecnica avanzata.
    Se consideriamo che i giapponesi le usano da 300 anni, e si sono presi la briga di dare un nome a ogni configurazione di candele possibile – come se fossero posizioni di tai chi – un motivo ci sarà.

    Analisi tecnica: supporti e resistenze

    Le linee di supporto e resistenza sono parametri fondamentali per comprendere il comportamento di una criptovaluta e formulare delle ipotesi.

    Proprio come le trendline, sono delle linee che si possono individuare sul grafico di un prezzo. Per queste analisi avanzate si preferiscono sempre i grafici a candela. Tuttavia, per spiegare il concetto di supporto e resistenza utilizziamo una rappresentazione più lineare.

    Immaginiamo quindi un gioco come il pinball (o flipper), in cui c’è una pallina che rimbalza a zig zag tra due muri. 

    supporti e resistenze

    Il muro in basso sarà il supporto e mentre quello in alto la resistenza.

    Questi due muri rappresentano gli estremi “superiori ed inferiori” che la criptovaluta in questione continua a raggiungere e non riesce a superare.

    Il fatto di non riuscire a rompere questi livelli (sia al rialzo che al ribasso) in un dato periodo è il sintomo del fatto che il mercato non ha la forza necessaria per prendere una direzione.

    Se ad esempio nel corso di un determinato periodo, bitcoin oscilla raggiungendo più volte i 10.000€, ma non riesce ad andare più in alto (“sfondando” quel determinato prezzo), quella è la resistenza dei 10.000€.

    Non c’è un metodo matematico per individuare queste linee, anche perché ci sono diverse scuole di pensiero che impiegano modi diversi per tracciarle. Sta quindi all’utente individuare il pattern nell’andamento che sta osservando e interpretarlo.

    Curiosità

    Quando si usano i grafici a candela giapponesi, si può scegliere di usare l’ombra per tracciare le linee, oppure il corpo della candela. Alcuni analisti sostengono che un rimbalzo individuato su di un’ombra è più valido perché corrisponde a un’effettiva oscillazione che va considerata. Altri preferiscono tracciare le linee utilizzando i prezzi di chiusura, sostenendo che questi hanno più importanza rispetto ai picchi meramente giornalieri segnati dalle ombre.

    L’unico segreto per identificare e tracciare queste linee è fare tanta pratica. Solo attraverso la pratica, e osservando gli esperti che tracciano le loro linee e seguendo gli analisti che le utilizzano, sarete in grado di vedere le linee in formazione e persino di anticipare alcuni movimenti di prezzo. 

    Uno strumento complementare all’analisi dei grafici è il calcolo della media mobile, che aiuta a calcolare il prezzo medio in un determinato periodo di tempo. Se vuoi approfondire questo tipo di analisi, puoi leggerne di più a questo link.

    Esercitazione

    Individua una linea di supporto o resistenza in questo grafico, individuando i punti in cui la linea di prezzo rimbalza e quelli in cui il muro di prezzo si rompe.

    supporti e resistenze

    La teoria dice che su qualsiasi lasso di tempo si possono individuare supporti e resistenze. ma non è detto che in tutti i casi sia individuabile questo tipo di pattern.

    Anche la loro assenza tuttavia potrebbe essere un elemento da tenere in considerazione. Di solito, più lungo è il periodo di tempo in cui una linea viene visualizzata, più forte sarà in termini di capitalizzazioni e di impatto.

    Hai provato a tracciare le linee?

    Noi abbiamo individuato queste:

    support e resistenze
    Correlati