logo academy

NFT: qual è il loro vero valore?

30 novembre, 2021
6 min
NFT: qual è il loro vero valore?
Principiante
Cosa Imparerai

    Abbiamo scoperto per la prima volta cosa sono gli NFT in questo articolo, con una panoramica sui principali utilizzi e settori. 

    Esploriamo ora meglio la domanda che tutti si pongono, il nocciolo della questione: ma perché costano così tanto?

    Gli NFT come tecnologia

    Lasciamo per un attimo da parte le meccaniche del mercato, il mondo dell’arte e il fattore umano in generale. Gli NFT, di per sé, derivano il loro valore tecnologico dalla blockchain.

    Non è così diverso dalle criptovalute: monete che grazie alla blockchain circolano in modo immutabile e decentralizzato. 

    Allo stesso modo gli NFT sono beni o oggetti digitali che circolano in modo immutabile e decentralizzato sulla blockchain.

    L’unica differenza è che le criptovalute sono fungibili, mentre gli NFT, come dice il nome, no.

    Significa che le criptovalute si comportano come una moneta: sono divisibili, tutte uguali, diffuse e questo ne facilita il conto, lo scambio e la liquidità.

    Al contrario gli NFT sono dei pezzi unici, spesso organizzati in “collezioni”, quindi un singolo NFT non può essere diviso in “decimali” o liberamente diviso in parti uguali.

    Un’altra caratteristica chiave che gli NFT derivano dalla blockchain è la programmabilità. Come ogni tipo di smart contract, gli NFT possono essere sviluppati per avere caratteristiche aggiuntive che ne aumentano l’utilità.

    A cosa servono gli NFT?

    Il formato NFT potenzialmente può essere applicato a qualsiasi cosa debba essere scarsa, unica e tracciata, quindi ad esempio biglietti per un evento, prenotazioni, oggetti da collezione, certificati o identità digitale.

    Il MIT ad esempio ha recentemente iniziato a rilasciare diplomi digitali basati su blockchain, nella forma di NFT non trasferibili. Nel frattempo, sia attori affermati come Facebook (ora Meta) che startup stanno lavorando a integrare gli NFT nei social media.

    dapp nft nel 2021

    Sappiamo però che attualmente i campi di applicazione più diffusi sono l’arte e i videogiochi

    Il vantaggio è che se un’opera digitale o qualsiasi file esiste come NFT, sulla sua blockchain sarà registrato l’indirizzo del creatore e tutti gli indirizzi delle persone che l’hanno acquistato e venduto.

    Ad esempio, se utilizzi un’immagine trovata online per il tuo sito, l’informazione sull’identità del suo autore va facilmente persa. Invece se utilizzi un NFT come immagine profilo significa che l’hai effettivamente acquistato e sei a conoscenza di tutta la sua storia.

    A questo punto molti si chiederanno cosa distingue un NFT da un semplice jpeg

    Questo dipende dall’NFT in questione. Spesso le immagini degli NFT che vediamo online sono solo anteprime di opere più complesse, come animazioni o grafiche 3D. Tutte le sfaccettature dell’opera sono invece visibili (o udibili) nelle gallerie virtuali di NFT, nelle immagini profilo o negli schermi esposti fisicamente dai proprietari.

    È possibile quindi dimostrare di possedere un NFT e non un semplice jpeg. 

    Inoltre, non sempre sono immagini e possono avere altre utilità oltre a essere opere estetiche.

    Quali possono essere gli utilizzi degli attuali NFT?

    Prima di tutto:

    • Sono beni digitali rivendibili 

    Altri casi d’uso sono in via di sviluppo o recenti, e non riguardano tutti gli NFT:

    • Possono essere utilizzati come garanzie di prestiti DeFi
    • Possono essere requisiti di accesso a servizi o community ristrette

    Identità e senso di appartenenza

    Allontaniamoci ora dagli aspetti tecnici ed economici e soffermiamoci sulla parola community.

    È in questo contesto che il clamore attorno agli NFT è nato e può essere sfruttato maggiormente, creando un senso di appartenenza e d’identità.

    community nft

    Pensiamo alle collezioni più famose, tra le prime create in assoluto: CryptoPunks e Bored Ape Yacht Club. Queste collezioni di personaggi rarissimi e molto costosi sono diventati un vero e proprio status symbol. Se possiedi un BAYC puoi accedere ai party privati o a regali ed airdrop esclusivi. È un po’ come far parte di un club prestigioso o possedere un’auto di lusso.

    Questo discorso si applica ovviamente anche ai brand, che sfruttano i loro NFT per creare sistemi di promozione e ricompensa della loro community, facendoli sentire parte della mission aziendale.

    La community che si costruisce intorno agli NFT crea di fatto il valore di fondo di quegli NFT. E più queste community crescono e si impegnano diventando parte delle identità singole, più quel valore viene rafforzato.

    Con il passare del tempo, tra l’altro, alcuni NFT accumulano storie (tramandate su blockchain) sempre più interessanti, assumendo sempre maggiore valore.

    nft eventi

    Da una parte quindi possedere certi NFT ricade sul proprio senso di identità o perlomeno apparenza, e dall’altra può fornire persino un potere economico e diritto di partecipazione a un certo contesto.

    Per questi motivi alcuni acquistano NFT senza nemmeno avere l’intento di venderli.

    Quindi non è tutto hype?

    Si sa, le mode cambiano, e quindi anche certi NFT potrebbero passare di moda se non offrono abbastanza vantaggi o casi d’uso duraturi.

    Di conseguenza, parte del mercato NFT potrebbe sparire col tempo, come è successo a molte criptovalute o ICO nei primi anni del mercato.

    Questo non vuol dire che tutti gli NFT saranno meno rilevanti. Probabilmente resteranno in piedi i progetti più validi, e con un po’ di impegno potranno fare il salto tecnologico che gli permetterà di inserirsi effettivamente nei tantissimi settori possibili.

    In breve, alcune sfide per il futuro sono:

    • chiarire gli aspetti legali degli NFT ad esempio per quanto riguarda la proprietà
    • Risolvere i costi ambientali e di transazione per gli NFT su Ethereum
    • Scoprire e facilitare maggiori applicazioni
    Correlati